giovedì 15 aprile 2010

Fagottini ripieni

Brief

Interpretare il concetto "sfizioserie salate" 


La ricetta



Occorrente: matterello, forno, ciotola, bilancia elettronica, cucchiaio

Ingredienti
Per la pasta
250 gr farina 0
1 uovo (+ 1 per lucidare)
100 gr ricotta
80 gr burro
1 pizzico di sale

Per la farcitura
2 wurstel
100 gr Fontina
100 gr prosciutto cotto in una sola fetta


Procedimento

Capita anche a voi dopo un certo periodo di avere voglia di qualcosa di sfizioso, rapido e semplice, ma di non avere idea esattamente di cosa?

A me ultimamente succede spesso.
Sarà la primavera che tarda a sbocciare.

Così ho improvvisato questi fagottini, riprendendo un tipo di pasta, con la ricotta dentro, che ho trovato su un vecchio ricettario di antipasti e che ho trovato molto valida.

Il resto è frutto di quello che metteva a disposizione il frigo.

Riunire gli ingredienti per la pasta in una terrina, amalgamarli e formare un impasto compatto e omogeneo che sarà poi messo in frigo per un paio d'ore a riposare.

Nel frattempo tagliare a cubetti il formaggio e il prosciutto e cuocere i wurstel e tagliarli a tocchetti di 2-3 cm di lunghezza.

Estrarre la pasta dal frigo, stenderla sul piano di lavoro infarinato, tirando la sfoglia non troppo sottile (2-3 mm andrà bene) e tagliarla a quadrati di circa 8-10 cm di lato.

Riempirli di cubetti di formaggio e prosciutto cotto e coprire con un altro rettangolo di pasta, così da creare dei fagottini. Per i wurstel invece creare delle caramelle, partendo da uno degli angoli e arrotolando la pasta verso l'angolo opposto. Chiudere i due lati attorcigliandoli su se stessi.

Posizionare i fagottin in su una teglia unta, lucidarli con l'uovo sbattuto e infornare a 190° C per 10-15 minuti circa, o in base al proprio forno, fino al raggiungimento di una bella doratura.
Il mio forno ha anche l'opzione "statico-ventilato" che uso sempre per questo tipo di preparazioni, perché mi sembra che vengano più fragranti, ma è chiaro che ciascuno può regolarsi come preferisce.

4 commenti:

BARBARA ha detto...

Splendido...quella voglia di un qualcosa di indefinito ha trovato spazio in questi deliziosi bocconcini...mi chiedo come avrai fatto dal trattenerti dalk farli fuori uno dopo l'altro...

Micaela ha detto...

golosissimi! tutto ciò che è fatto con la sfoglia per me è irresistibile|

Federica ha detto...

sfiziosissssssssssssssimi!

Alessia ha detto...

@ Barbara: forse perchè la fame sfiziosa è più parsimoniosa, si nutre di sensazioni sottili che appagano di più e richiedono meno quantità e più qualità

@ Micaela: d'accordissimo con te, infatti ci sono news in arrivo sul tema

@ Federica: ciao cara e grazie della visita.

Cercami su

Il Bloggatore - Cucina Aggregatore notizie RSS