lunedì 22 giugno 2009

Vaniglia Bourbon



Girovagando sulla rete si scoprono miniere di diamanti.
E siti che vendono vaniglia del Madagascar ovviando a mille passaggi di grossisti e gd.
Che per me valgono come miniere di diamanti.
Il tutto si trova a questo indirizzo con possibilità di acquisare direttamente online, a prezzi ragionevoli e ricevere la merce direttamente a casa propria. Il pagamento può avvenire con bonifico, carta di credito e contrassegno.
Spediscono anch campioni, ma soltanto ad aziende e per grandi quantità di merce.


La vaniglia è il core business, ma accanto alle splendide bacche di qualità sopraffina, ci sono altre spezie / droghe come la cannella, l'aneto, l'anice stellato, la curcuma, le spezie per il vin brulé, il cardamomo, ecc, ecc, ecc..

L'idea del progetto, è quella di creare un mercato estero per prodotti agricoli "tipici" di provenienza diretta, a vantaggio della qualità che in questi casi, trattandosi di sostanze aromatiche è delicatissima e può sempre risentire parecchio dei troppi passaggi.
Io, che di un mercante di spezie potrei tranquillamente innamorarmi, al fascino di questo sito / servizio credo non resisterò, per cui è probabile che il prossimo autoregalo per l'onomastico (17 luglio) sarà fatto qui sopra.
Mi sa che i sandali di Sebastian aspetteranno...



domenica 14 giugno 2009

Non di sole macine ...

Brief

La colazione con le macine fatte in casa..à rebour..





La ricetta


Occorrente: forno, placca da forno, carta da forno, tagliabiscotti, cucchiaio, bilancia, matterello, ciotola

Ingredienti
250 g farina integrale
100 g fecola
150 g farina bianca
100 g zucchero a velo
100 g burro
1 uovo + 1 albume
150 ml panna fresca
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale
1 bustina di vanillina

Procedimento

Le Macine sono state decisamente il biscotto della mia infanzia. Ora quando mi capita di aprirne una busta ne aspiro la fragranza piena di nostalgia, di tenerezza e di desiderio, come si fa col collo di una splendida donna. Ma il sapore mi pare decisamente un altro. Da piccola quei biscotti rotondi e perfetti sapevano di paradiso..
Così più di una volta mi è venuto in mente di crearne "a modo mio". Forse più perché quelle macine, quelle di quanto da seduta non toccavo il pavimento con le scarpine e 3 biscotti mi sembravano pure tanti, non tornerò mai ad assaggiarle.
Le Macine da adulta sono a base di farina integrale, bandiscono la margarina, usano poco dolcificante e hanno la forma imprecisa delle cose fatte a mano.
Inzuppate nel latte hanno decisamente il loro perché.



Il procedimento (il mio) eccolo qua:

Amalgamare tutti gli ingredienti in una ciotola capiente e riporla in frigo per 30 minuti. Trascorso questo tempo prelevare la pasta e stenderla sul piano da lavoro in uno strato alto circa un cm. Ritagliare dei biscotti di forma circolare e praticarvi un foro all'interno.
Sistemarli sulla placca da forno e cuocerli a 180 °C per circa 15 minuti


domenica 7 giugno 2009

Torta alle fragole e zabaione


Brief

Quando c'è da festeggiare la mamma, è maggio e alla cuoca piacciono in maniera parossistica le fragole, beh anche lo zabaione.



La ricetta



Occorrente: stampo per torte quadrato, fruste elettiche, forno, becker per montare la panna, coltello, colino, spatole, pentole per il bagnomaria, grattugia

Ingredienti


Per la pasta
4 uova
120 g farina setacciata
80 g zucchero semolato
20 g burro
1/2 bustina di lievito
buccia di limone grattugiata


Per la farcitura allo zabaione
3 uova
3 cucchiai di zucchero
3 semigusci d'uovo di vino Marsala
200 ml di panna montata
200 g fragole

Per la decorazione di fragole
300 ml di panna montata
mandorle a scaglie
fragole
gocciole di cioccolato
Procedimento


Preriscaldare il forno a 160 °C
Sgusciare le uova in una terrina e montarle a lungo con lo zucchero e la buccia di limone. Aggingere il lievito e la farina e da ultimo il burro fuso.



Imburrare e infarinare lo stampo, trasferirvi il composto e infornare per 35-40 minuti.
Lasciare raffreddare, sformare il dolce e lasciarlo asciugare all'aria.
In una pentola adatta per la cottura a bagnomaria, sgusciare i tuorli delle uova e montarli con lo zucchero finché diventeranno bianchi, gonfi e spumosi, aggiungere il vino e cuocere per una decina di minuti.



Lasciare raffreddare lo zabaione e aggiungervi, una volta tiepido, la panna montata.
Tagliare la torta, ricoprire il primo strato di fette di fragola e mousse allo zabaione, coprire con altre fragole e poi con l'altro strato di pasta. Disporre anche su questo fettine di fragola e mousse.
Decorare con la panna montata in modo da coprire prima i bordi e poi la sommità del dolce. Aiutarsi con la spatola permette di avere un risultato più uniforme e più preciso.

Non ho usato bagne a base di acqua, liquore, caffé o altro perché l'uso delle fette di frutta permette di inumidire la pasta al punto desiderato, senza alterarne troppo il sapore e a beneficio della digeribilità e della linea.

Cercami su

Il Bloggatore - Cucina Aggregatore notizie RSS