giovedì 28 aprile 2011

Budini al gorgonzola con fonduta

Brief

Antipasto chic ma semplice al formaggio gorgonzola


La ricetta



Occorrente: 4 stampini per budini o muffin, teglia, forno, ciotola coi bordi alti, frullatore a immersione, grattugia

Ingredienti

250 g di Gorgonzola
50 g di Parmigiano Reggiano
4 uova
250 ml di latte
250 ml di panna fresca
burro
sale e pepe q.b.
un limone bio

Procedimento

Eccomi, come al solito, anche in questa ricetta dei budini al Gorgonzola non sono riuscita a seguire passo passo la regola aurea prevista dalla versione originale.
Ovvero su un numero speciale di Cucina Moderna oro ho trovato un antipasto che mi piaceva, ma mentre sulla rivista si parlava di una guarnitura a base mandorle a scaglie tostate e cuore di sedano saltato nel burro, io ho preferito qualcosa di più morbido e cremoso, ovvero la fonduta. 
Per chi volesse rispettare il procedimento però, sappiate che servono anche 40 g di mandorle a lamelle e un cuore di sedano. 

Ecco comunque la spiegazione della mia personalizzazione, che spero vi piaccia. 

mercoledì 27 aprile 2011

Cake salmone e semi di papavero




Questo cake è nato quasi per improvvisazione. E le ricette con questa premessa sono spesso le migliori..

Avevo in frigo una splendida confezione di salmone dolcemente affumicato, ovvero dal sapore delicato, perché l'affumicatura era leggera e gradevole, ma non volevo semplicemente estrarlo dalla confezione e metterlo nel piatto.
E così ho pensato a questo plumcake salato. 

Spero piaccia anche a voi, perché a me è sembrato buonissimo e versatile. Può tranquillamente fare da piatto unico, ma una fetta (una sola!!) è anche un ottimo modo per iniziare una cena o un pranzo raffinato. Portatelo come vostro contributo ad un aperitivo o buffet e farete un figurone. 

 Cake salmone e semi di papavero


Occorrente: stampo per plumcake, forno, setaccio, ciotola capiente con bordi alti, cucchiaio, spatola da cucina, forbice

Ingredienti

180 g farina
1 bustina di lievito per torte salate istantaneo
2 uova
4 cucchiai di semi di papavero
100 g di salmone leggermente affumicato
1 dl di latte 
1 dl di olio e.v.o.

Procedimento

Scaldare il latte, sgusciare le uova in una terrina capiente e mescolarle all'olio e al latte. A parte mescolare gli ingredienti secchi: la farina setacciata, il lievito, i semi di papavero e il salmone tagliato a striscioline sottili. Unire gli ingredienti secchi a quelli umidi e formare un composto omogeneo e liscio. 

Trasferire in uno stampo da plumcake imburrato e infarinato, livellare per bene con la spatola da cucina e infornare per circa 45 minuti a 180°C. 

Una volta cotto, sfornare e lasciare raffreddare. Sformare e tagliare a fette, servire tiepido o freddo, anche il giorno dopo sarà buonissimo. 

;-)







martedì 26 aprile 2011

Crostata di ricotta

Brief

Un dolce pasquale a base di ricotta e pasta frolla aromatizzata al limone, buono tutto l'anno


La ricetta


Occorrente: stampo da forno circolare, terrina, fruste elettriche, ciotola capiente dai bordi alti, matterello, grattugia a mano

Ingredienti

200 g di farina
100 g burro freddo
3 tuorli
60 g di zucchero semolato
la buccia grattugiata di un limone

400g di ricotta 
2 uova intere
40 g di canditi misti
50 g di burro
50 g di zucchero

Procedimento



Setacciare la farina, formare la fontana e mettere al centro il burro tagliato a tocchetti, la buccia del limone, lo zucchero. Amalgamare gli ingredienti e formare una palla, avvolgerla nella pellicola per alimenti e riporla in frigo per un'ora circa.

Preparare la crema di ricotta, mescolando il burro liquefatto allo zucchero, le uova, la ricotta e i canditi misti. 

Preriscaldare il forno, stendere la pasta, foderare lo stampo e tenerne da parte un po' per formare le strisce della decorazione. Farcirla con la crema di ricotta, stendere la pasta avanzata e usarla per creare il classico disegno a rete della crostata.

Infornare e lasciare cuocere 30 minuti circa.

Trascorso questo tempo estrarre dal forno, lasciare raffreddare e tagliare la crostata a fette.  

Chi ne vuole un po?


lunedì 25 aprile 2011

Lasagne agli asparagi

Brief

Le lasagne sulla tavola di Pasqua, con gli asparagi, perfette per ogni pranzo speciale di primavera


La ricetta



Occorrente: pentola per cuocere la pasta, pentola a pressione, scolapasta, cannovaccio pulito, frullatore a immersione, ciotola dai bordi alti, tagliere, coltello affilato, carta da forno

Ingredienti

500 g di pasta all'uovo per lasagne già pronta
1kg di punte di asparagi
1 confezione di Galbanino
500 g ricotta
100g Parmigiano Reggiano
sale
2 albumi d'uovo

Procedimento

Lo so, lo so, preparare le lasagne agli asparagi con la pasta già pronta è un'eresia per una food blogger. Peggio ancora per una food blogger emiliana. 
Mea culpa, mea maxima culpa. 
Ma con tutto quello che ho impastato, affettato, tritato, sciacquato, mescolato in questi giorni, tirare la pasta fresca non mi sembrava il caso. 
Mi perdonate?

domenica 24 aprile 2011

Agnello e insalata di valeriana e uova di quaglia

Brief

L'agnello pasquale accompagnato da un'insalata in tema a base di valeriana e uova di quaglia


La ricetta


Occorrente: teglia, coltello, casseruola, pellicola per alimenti, carta da forno, carta alluminio, spremiagrumi, tostapane

Ingredienti
Per l'arrosto
2 kg agnello
2 rametti di rosmarino
2 spicchi d'aglio
2 limoni
sale 
pepe

Per l'insalata
valeriana
radicchio
2 cucchiai di semi di girasole
una manciata di pistacchi tostati salati
1 confezione di uova di quaglia
4 cucchiai di aceto
4 cucchiai di olio
sale
1 fetta di pane tostato 

Procedimento

Direttamente dalla tavola di Pasqua, l'agnello che ho preparato per il pranzo con la mia famiglia. 
Visto che la ricetta dell'insalata di accompagnamento è piaciuta molto, vi propongo anche questa perché si è rivelata un'ottima alternativa alle solite patate o ai soliti carciofi. 

martedì 19 aprile 2011

Ciambella al cacao e cannella

Brief


La ricetta


Occorrente: stampo per ciambella, forno, bilancia elettronica, ciotola capiente, fruste elettriche, setaccio, cucchiaio

Ingredienti

5 uova
30 g cacao amaro
150 g zucchero
200 g farina per dolci
una bustina di lievito per dolci
2 cucchiai di cannella in polvere

Procedimento

Con questa ciambella al cacao e cannella partecipo al contest Cannellami del blog Un Pizzico di cannella, dedicato appunto alla cannella, perché nell'impasto ho utilizzato questa spezia. 
La ricetta originale non la prevede, ma personalmente trovo che col gusto del cacao la cannella sia sublime.
A differenza di molte ciambelle al cacao, questa ha pure il pregio di essere leggera, sì perché è senza burro o panna, un motivo per mangiarne una fetta in più.



domenica 17 aprile 2011

Coniglio alle olive

Brief

Partecipare al contest di Stefania intitolato: Profumi e sapori il contest a colori nella categoria BIANCO


La ricetta



Ingredienti

1 kg di coniglio
4 cucchiai olio e.v.o.
2 rametti di rosmarino
2 spicchi di aglio
20 olive verdi
1 cucchiaio di pinoli
1 manciata di prezzemolo
1 bicchiere di vino bianco
sale e pepe q.b.
acqua calda o brodo q.b.


giovedì 14 aprile 2011

Velofood, sustainable food delivery


Sustainable food delivery a Milano?
Sì, a Milano, la città grigia e consumistica per eccellenza e che di certo non brilla né per la sostenibilità dei trasporti, né per gli stili di vita. 
Ma le cose, appunto, anche grazie a Velofood, stanno piano piano cambiando. 

Metti un gastronomo e food designer come Luca Leone Zampa (di una simpatia e dolcezza uniche) e un team specializzato in consegne a domicilio rigorosamente in bicicletta, che pensano ad un modo alternativo (parola spesso abusata di questi tempi) di vivere il cibo. Il risultato è Velofood, un servizio per la città di Milano di food delivery sostenibile, che ti permette di avere a casa tua, piuttosto che in ufficio o in negozio un pranzo veloce, un pacco della spesa, un cestino per la colazione o il pic nic o addirittura uno chef a domicilio. Naturalmente in bicicletta!!

Velofood porta una ventata di aria buona. Aggiunge un pizzico di innovazione, creatività e bellezza in una città che ne ha tanto bisogno. 

Qui c'è l'elenco dei ristoranti e dei negozi partner.

Io e Valentina abbiamo provato il cestino della colazione, assolutamente buonissimo. Ah, la foto, come si può intuire dall'assenza del copyright non è mia, ma di Valentina appunto, che ringrazio.

mercoledì 13 aprile 2011

Farfalle piselli e salmone

Brief

Variazioni sul tema piselli e salmone, rigorosamente senza panna!


La ricetta


Occorrente: pentola per cuocere la pasta, scolapasta, cucchiaio di legno, padella o casseruola antiaderente

Ingredienti 

320 g pasta formato farfalle
100 g piselli surgelati
100 g salmone affumicato
2 cucchiai olio e.v.o.
2 cucchiai prezzemolo fresco tritato
1 tazza di brodo caldo
1 bicchierino di Cognac 

Procedimento 

Se posso, ometto facilmente la panna sui primi, contrariamente ai dolci. 
Mi sembra che ne appesantisca il gusto e che copra in maniera invadente gli altri sapori. Così è nata questa pasta, con due ingredienti "classici" ovvero piselli e salmone, ma priva di panna, quindi perfetta anche per chi dovesse avere un'intolleranza al lattosio.

lunedì 11 aprile 2011

Cheesecake alla vaniglia con lamponi

Brief

Una cheesecake alla vaniglia con decorazione di lamponi,  morbidissima ma light


La ricetta


Occorrente: tortiera circolare, ciotola, sacchetto per alimenti, batticarne, spatola, fruste, casseruola, ciotola, pentolino, cucchiaio, bilancia elettronica, carta assorbente da cucina

Ingredienti

Per la base
150 g biscotti secchi (ho usato quelli Misura)
80 g burro

Per il ripieno
500 g ricotta vaccina
2 uova
50 g zucchero a velo
essenza di vaniglia

Per la decorazione
400 ml panna da montare
100 g zucchero a velo
1 cestino di lamponi freschi
confettini argentati

Procedimento

Ho preparato questa cheesecake alla vaniglia per il compleanno della mia amica Sonia. 
Lei adora le cheesecake (e anch'io), così è stata una bella occasione per condividere qualcosa e soprattutto per festeggiare lei nel modo migliore.
La decorazione con i lamponi è stata un po' un piccolo dramma.
Ho comprato infatti un cestino di lamponi della Sant'Orsola, che dovevano essere freschi, ma evidentemente li hanno congelati e poi esposti. Risultato? Quando li ho aperti li ho trovati per metà ricoperti di muffa e inutilizzabili..
Che peccato...
Comunque qualcuno si è salvato e così ho potuto realizzare ugualmente la ricetta. L'importante è non perdersi d'animo quando capitano simili imprevisti. 

venerdì 8 aprile 2011

Brutti ma buoni

Brief

Una versione dei brutti ma buoni perfetta per il caffé


La ricetta 


Occorrente: spatola da cucina, forno, teglia, ciotola capiente, cucchiaio, bilancia elettronica, fruste elettriche
Ingredienti

100 g mandorle tostate e tritate
100 g farina integrale
80 g zucchero semolato
2 cucchiai uvetta sultatina
1 cucchiaio di semi di anice
1 cucchiaio essenza di vaniglia
4 albumi 
2 cucchiai di olio e.v.o.

Procedimento

In rete ci sono già diverse ricette di biscotti "brutti ma buoni". Per chi fosse interessato alle varianti, segnalo i brutti ma buoni alle nocciole di Dolci e non solo, i brutti ma buoni dell'Academia Barilla e i brutti ma buoni di noci e nocciole di A tutta cucina.

La mia ricetta è diversa da tutte, perché ho aggiunto i semi di anice, l'uvetta sultanina e la farina integrale. In questo modo l'impasto è venuto più corposo e più adatto all'inzuppo nel caffé.



Il procedimento è di una imbarazzante semplicità.
Si montano gli albumi con lo zucchero e si incorporano tutti gli altri ingredienti. Si preleva un po' di impasto con un cucchiaio e lo si depone su una placca da forno unta, incuranti della forma. 

Si lasciano cuocere a 180°C per 10-15 minuti e poi si estraggono dal forno per farli raffreddare. Una volta raffreddati completamente, si conservano in una scatola di latta e durano anche qualche settimana. 



giovedì 7 aprile 2011

Minestra di riso zafferano e zucchine

Brief

Un primo colorato e primaverile a base di riso


La ricetta


Occorrente: pentola per risotto, tagliere, coltello, cucchiaio di legno

Ingredienti x 4 persone

200 g di riso integrale
1 zucchina
1/4 di cipolla
2 cucchiai olio e.v.o.
1 litro di brodo o di acqua calda
basilico 
noce moscata
zafferano
sale e pepe q.b.
Parmigiano Reggiano (facoltativo)

Procedimento

La primavera è ancora una stagione in cui preparare un buon primo a base di riso, senza necessariamente mandare a fuoco la cucina. E soprattutto è il periodo migliore in cui gustare qualcosa di colorato, leggero e profumato dai sapori dell'orto. 

Al riso bianco, ho preferito quello integrale perché ha molte proprietà nutritive. Unico neo sono i tempi di preparazione: ovvero molto molto lunghi. Non so se dipenda dalle mie pentole, dalla durezza dell'acqua o dal tipo di riso che ho comprato, comunque a differenza di quello bianco impiega più di un'ora per cuocere al punto giusto.
Ma basta partire col giusto anticipo...

Cercami su

Il Bloggatore - Cucina Aggregatore notizie RSS